Il "primo" Adam Smith