L’efficienza della cerealicoltura marchigiana: un modello dinamico