Eliot Freidson, il sociologo scettico di una medicina aperta