Over the years there has been a growing awareness that the resources on which tourism is based are not infinite and that, for the long-term survival of the sector, a shift towards sustainability is necessary. Several studies highlight a discrepancy between the issuance of sustainable tourism policies and their implementation: at the same time, these studies don’t clearly identify opportunities and challenges that a supply chain that wants to convert to a sustainable tourism model has to face. This research aims to analyze sustainable tourism in the Marche Region, evaluating which accelerators or obstacles stand in the way of implementing sustainability policies. The analysis is conducted through semi-structured interviews with thirty-five actors of the regional tourism supply chain, both public and private. The results show that sustainability is a priority for the Region and that local operators consider it the most consistent strategy with respect to the evolutionary characteristics of the sector. The opportunities for developing a sustainable tourism model include the region's ability to respond to the needs of the "new consumer", the intrinsic characteristics of the territory and the attractiveness of local traditions for "slow" tourism. Among the barriers, the lack of a widespread culture of sustainability and a loss of information about the implementation of policies as you go down the supply chain towards the consumer. The unavailability of skills and resources to be allocated to training, low levels of awareness on the pillars of sustainability and widespread skepticism hinder the processes. The research shows a path that has been launched which could be encouraged by education initiatives aimed at the entire supply chain and through the issuance of operational guidelines.

Negli anni si è affermata la consapevolezza che le risorse su cui il turismo si basa non sono infinite e che per la sopravvivenza del settore nel lungo periodo è necessaria una transizione verso la sostenibilità. Il turismo sostenibile si riferisce a pratiche sostenibili all’interno e da parte della filiera turistica. Diversi studi evidenziano una discrepanza tra l’emanazione delle politiche di turismo sostenibile e la loro realizzazione, tra l’altro senza mettere a sistema opportunità e sfide per una filiera che voglia convertirsi ad un modello turistico sostenibile. Questa ricerca si pone l’obiettivo di analizzare il turismo sostenibile nella Regione Marche, valutando quali acceleratori o ostacoli si frappongono alla realizzazione di politiche di sostenibilità. L’analisi è condotta tramite interviste semi-strutturate a trentacinque attori della filiera turistica regionale, pubblici e privati. I risultati mostrano che la sostenibilità è una priorità per la Regione e che gli operatori del settore la ritengono la strategia più coerente rispetto alle caratteristiche evolutive del settore. Tra le opportunità per lo sviluppo di un modello turistico sostenibile, si individuano la capacità della regione di rispondere alle esigenze del “nuovo consumatore”, le caratteristiche intrinseche del territorio e l’attrattività delle tradizioni locali per un turismo “slow”. Tra le barriere, la mancanza di una cultura diffusa della sostenibilità e una perdita di informazioni circa l’attuazione delle politiche man mano che si scende nella filiera verso il consumatore. L’indisponibilità di competenze e risorse da destinare alla formazione, bassi livelli di consapevolezza sui pilastri della sostenibilità e scetticismo diffuso ostacolano i processi. Dalla ricerca emerge un percorso avviato che potrebbe essere incentivato da iniziative di educazione rivolte all’intera filiera e tramite l’emanazione di linee guida operative.

Opportunità e sfide per lo sviluppo del turismo sostenibile: il caso della regione Marche

GALLEGATI, SILVIA
2022-06-07

Abstract

Negli anni si è affermata la consapevolezza che le risorse su cui il turismo si basa non sono infinite e che per la sopravvivenza del settore nel lungo periodo è necessaria una transizione verso la sostenibilità. Il turismo sostenibile si riferisce a pratiche sostenibili all’interno e da parte della filiera turistica. Diversi studi evidenziano una discrepanza tra l’emanazione delle politiche di turismo sostenibile e la loro realizzazione, tra l’altro senza mettere a sistema opportunità e sfide per una filiera che voglia convertirsi ad un modello turistico sostenibile. Questa ricerca si pone l’obiettivo di analizzare il turismo sostenibile nella Regione Marche, valutando quali acceleratori o ostacoli si frappongono alla realizzazione di politiche di sostenibilità. L’analisi è condotta tramite interviste semi-strutturate a trentacinque attori della filiera turistica regionale, pubblici e privati. I risultati mostrano che la sostenibilità è una priorità per la Regione e che gli operatori del settore la ritengono la strategia più coerente rispetto alle caratteristiche evolutive del settore. Tra le opportunità per lo sviluppo di un modello turistico sostenibile, si individuano la capacità della regione di rispondere alle esigenze del “nuovo consumatore”, le caratteristiche intrinseche del territorio e l’attrattività delle tradizioni locali per un turismo “slow”. Tra le barriere, la mancanza di una cultura diffusa della sostenibilità e una perdita di informazioni circa l’attuazione delle politiche man mano che si scende nella filiera verso il consumatore. L’indisponibilità di competenze e risorse da destinare alla formazione, bassi livelli di consapevolezza sui pilastri della sostenibilità e scetticismo diffuso ostacolano i processi. Dalla ricerca emerge un percorso avviato che potrebbe essere incentivato da iniziative di educazione rivolte all’intera filiera e tramite l’emanazione di linee guida operative.
Over the years there has been a growing awareness that the resources on which tourism is based are not infinite and that, for the long-term survival of the sector, a shift towards sustainability is necessary. Several studies highlight a discrepancy between the issuance of sustainable tourism policies and their implementation: at the same time, these studies don’t clearly identify opportunities and challenges that a supply chain that wants to convert to a sustainable tourism model has to face. This research aims to analyze sustainable tourism in the Marche Region, evaluating which accelerators or obstacles stand in the way of implementing sustainability policies. The analysis is conducted through semi-structured interviews with thirty-five actors of the regional tourism supply chain, both public and private. The results show that sustainability is a priority for the Region and that local operators consider it the most consistent strategy with respect to the evolutionary characteristics of the sector. The opportunities for developing a sustainable tourism model include the region's ability to respond to the needs of the "new consumer", the intrinsic characteristics of the territory and the attractiveness of local traditions for "slow" tourism. Among the barriers, the lack of a widespread culture of sustainability and a loss of information about the implementation of policies as you go down the supply chain towards the consumer. The unavailability of skills and resources to be allocated to training, low levels of awareness on the pillars of sustainability and widespread skepticism hinder the processes. The research shows a path that has been launched which could be encouraged by education initiatives aimed at the entire supply chain and through the issuance of operational guidelines.
tourism; sustainability; sustainable tourism; Marche Region
turismo; turismo sostenibile; sostenibilità; Regione Marche
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesi_Gallegati.pdf

embargo fino al 07/12/2023

Descrizione: Tesi_Gallegati
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 3.78 MB
Formato Adobe PDF
3.78 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11566/299789
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact