Il life insurance trust si è affacciato nella prassi assicurativa italiana come un valido strumento per garantire una trasmissione intergenerazionale «controllata» della ricchezza, con il beneficio della segregazione patrimoniale dell’indennità corrisposta dall’assicuratore al beneficiario della polizza. Il rapporto tra l’effetto segregativo del trust e quello contemplato dall’art. 1923 c.c. si pone, tuttavia, in termini problematici in relazione alla funzione previdenziale assolta dalla norma. Il rischio che la garanzia patrimoniale generica sia lesa è scongiurato dal requisito dell’interesse assicurabile e dall’articolato sistema di filtri contemplato dalla Convenzione de L’Aja. Life insurance trusts have become popular in the Italian insurance practice as valid instruments to control the transmission of wealth through generations, with the benefit of ring-fencing the indemnity that the insurer pays out to the policy beneficiary. However, the relation between the ring-fencing brought by the trust and art. 1923 c.c. appears to be problematic in light of the welfare function performed by the provision. The «insurable interest» requirement and the articulated system of checks set forth in the Hague Convention make it possible that the creditors’ interests are not impaired.

Effetto segregativo delle polizze vita e trust collegato

Luca Ettore Perriello
2020

Abstract

Il life insurance trust si è affacciato nella prassi assicurativa italiana come un valido strumento per garantire una trasmissione intergenerazionale «controllata» della ricchezza, con il beneficio della segregazione patrimoniale dell’indennità corrisposta dall’assicuratore al beneficiario della polizza. Il rapporto tra l’effetto segregativo del trust e quello contemplato dall’art. 1923 c.c. si pone, tuttavia, in termini problematici in relazione alla funzione previdenziale assolta dalla norma. Il rischio che la garanzia patrimoniale generica sia lesa è scongiurato dal requisito dell’interesse assicurabile e dall’articolato sistema di filtri contemplato dalla Convenzione de L’Aja. Life insurance trusts have become popular in the Italian insurance practice as valid instruments to control the transmission of wealth through generations, with the benefit of ring-fencing the indemnity that the insurer pays out to the policy beneficiary. However, the relation between the ring-fencing brought by the trust and art. 1923 c.c. appears to be problematic in light of the welfare function performed by the provision. The «insurable interest» requirement and the articulated system of checks set forth in the Hague Convention make it possible that the creditors’ interests are not impaired.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11566/285287
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact