Vogliono liberarsi dello Statuto dei lavoratori