Il made in Italy: un patrimonio conteso tra "eredi virtuosi" e "dissipatori"