Fano, la città adriatica cara a Vitruvio, di cui il trattatista parla nel De Architectura (Libro V al capo 1 capitolo 4) come unica città sede di un suo progetto (la famosa Basilica) riassume le antiche sembianze della colonia Fanum Fortunae che godette di grande splendore in epoca imperiale attraverso un’attenta e filologica ricostruzione virtuale che raccoglie le ultime scoperte archeologiche del teatro e dell’anfiteatro e propone una possibile ipotesi di disegno urbano in cui spicca, al di là della possente cinta muraria, la grande basilica civile ridisegnata fin nei suoi dettagli interni sulla base del testo vitruviano. Un modello urbano ricostruito con tecniche avanzate di computer grafica attraverso il quale sarà possibile effettuare un viaggio a ritroso nella memoria rileggendo nel tessuto urbano dell’odierna Fano i segni di un passato mai cancellato in un percorso che con l’ausilio di suoni e testi aiuti a comprendere e conoscere il raffinato schema urbano e l’imponente programma architettonico voluto da Augusto per la colonia e in cui, oltre alla basilica, possono forse essere riconoscibili altri interventi del celebre trattatista (le mura, il grande teatro attiguo al Foro). Le tecniche multimediali sensoriali utilizzate forniscono simultaneamente e contestualmente alla suggestione dell’esperienza esperienza visiva la possibilità di comprensione storica, logica e razionale del rigoroso schema urbano della colonia romana permettendo di leggere e confutare lo stesso percorso di ricerca che ha condotto all’elaborazione delle affascinanti ipotesi ricostruttive proposte.

Da Fano a Fanum Fortunae, passeggiando tra memorie e segni della città vitruviana

CLINI, Paolo;
2004

Abstract

Fano, la città adriatica cara a Vitruvio, di cui il trattatista parla nel De Architectura (Libro V al capo 1 capitolo 4) come unica città sede di un suo progetto (la famosa Basilica) riassume le antiche sembianze della colonia Fanum Fortunae che godette di grande splendore in epoca imperiale attraverso un’attenta e filologica ricostruzione virtuale che raccoglie le ultime scoperte archeologiche del teatro e dell’anfiteatro e propone una possibile ipotesi di disegno urbano in cui spicca, al di là della possente cinta muraria, la grande basilica civile ridisegnata fin nei suoi dettagli interni sulla base del testo vitruviano. Un modello urbano ricostruito con tecniche avanzate di computer grafica attraverso il quale sarà possibile effettuare un viaggio a ritroso nella memoria rileggendo nel tessuto urbano dell’odierna Fano i segni di un passato mai cancellato in un percorso che con l’ausilio di suoni e testi aiuti a comprendere e conoscere il raffinato schema urbano e l’imponente programma architettonico voluto da Augusto per la colonia e in cui, oltre alla basilica, possono forse essere riconoscibili altri interventi del celebre trattatista (le mura, il grande teatro attiguo al Foro). Le tecniche multimediali sensoriali utilizzate forniscono simultaneamente e contestualmente alla suggestione dell’esperienza esperienza visiva la possibilità di comprensione storica, logica e razionale del rigoroso schema urbano della colonia romana permettendo di leggere e confutare lo stesso percorso di ricerca che ha condotto all’elaborazione delle affascinanti ipotesi ricostruttive proposte.
9788887965179
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11566/44497
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact