Un’attenta lettura del quadro relativo ai biocarburanti mette in luce come - a livello nazionale - almeno due punti di vista che probabilmente non sono ancora state messe seriamente a confronto: la prima di tipo "agricolo-centrica", basata sul concetto di “circuito corto", che vede in questi prodotti una opportunità di sostegno al reddito dell'azienda agricola e che probabilmente porterebbe alla produzione di 0,1-0,2 Mtep/anno (entità quasi trascurabile dal punto di vista della pianificazione energetica); la seconda di tipo “economico-europeo", centrata sull'obiettivo di conseguire un utilizzo a livello nazionale e in prospettiva di 4,2 Mtep/anno di carburanti rinnovabili. Ciò richiederebbe: (a) I'investimento di 400-600.000 ha domestici a colture energetiche dedicate, oltre all'importazione di rapporti di collaborazione bi- o multi-laterali con paesi dell'Unione a vocazione agricola e/o con i Paesi in Via di Sviluppo; (b) il necessario impegno della ricerca nel settore agronomico per aumentare le produzioni agricole e in quello petrolchimico, per sviluppare tecnologie e impianti di seconda generazione. In questo contesto il lavoro prende in esame le filiere basate sulla produzione di biodiesel ottenuto da sostanze grasse di origine nazionale e ne analizza le caratteristiche tecniche con particolare riferimento al recupero dei sottoprodotti.

Biodiesel, olio per autotrazione e valorizzazione dei sottoprodotti

RIVA, Giovanni Luca;FOPPA PEDRETTI, Ester;TOSCANO, Giuseppe
2009-01-01

Abstract

Un’attenta lettura del quadro relativo ai biocarburanti mette in luce come - a livello nazionale - almeno due punti di vista che probabilmente non sono ancora state messe seriamente a confronto: la prima di tipo "agricolo-centrica", basata sul concetto di “circuito corto", che vede in questi prodotti una opportunità di sostegno al reddito dell'azienda agricola e che probabilmente porterebbe alla produzione di 0,1-0,2 Mtep/anno (entità quasi trascurabile dal punto di vista della pianificazione energetica); la seconda di tipo “economico-europeo", centrata sull'obiettivo di conseguire un utilizzo a livello nazionale e in prospettiva di 4,2 Mtep/anno di carburanti rinnovabili. Ciò richiederebbe: (a) I'investimento di 400-600.000 ha domestici a colture energetiche dedicate, oltre all'importazione di rapporti di collaborazione bi- o multi-laterali con paesi dell'Unione a vocazione agricola e/o con i Paesi in Via di Sviluppo; (b) il necessario impegno della ricerca nel settore agronomico per aumentare le produzioni agricole e in quello petrolchimico, per sviluppare tecnologie e impianti di seconda generazione. In questo contesto il lavoro prende in esame le filiere basate sulla produzione di biodiesel ottenuto da sostanze grasse di origine nazionale e ne analizza le caratteristiche tecniche con particolare riferimento al recupero dei sottoprodotti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11566/40193
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact