3. Il modello di specializzazione italiano: normalità e asimmetria