Per il calcolo delle opere di sostegno in condizioni sismiche con il metodo pseudo-statico si assume che un fissato valore di accelerazione equivalente, costante nello spazio e nel tempo, agisca uniformemente nel cuneo di spinta. Al fine di definire tale accelerazione, la nuova proposta di Eurocodice 8 (EN 1998-5) introduce una metodologia che tiene conto dell’asincronia del moto sismico agente sulle opere di sostegno per mezzo di un’analisi di risposta sismica locale 1D. Si tratta di un affinamento delle usuali metodologie che prevedono la definizione di un coefficiente di deformabilità in funzione di due soli parametri: altezza dell’opera e categoria di sottosuolo (v. NTC 2018). In questa memoria, l’applicazione ad un caso reale mostra come la nuova metodologia consenta un utilizzo più consapevole del metodo pseudo-statico; d’altra parte, i risultati di analisi dinamiche 2D evidenziano significativi effetti di variabilità spaziale del moto invitando a riflessioni sull’opportunità di considerare anche gli effetti geometrici nella propagazione delle onde sismiche.

Sulla variabilità spaziale dell'accelerazione nel calcolo delle opere di sostegno in condizioni sismiche

Pierluigi Alesiani
;
Paolo Ruggeri;Viviene M. E. Fruzzetti;Giuseppe Scarpelli
2022

Abstract

Per il calcolo delle opere di sostegno in condizioni sismiche con il metodo pseudo-statico si assume che un fissato valore di accelerazione equivalente, costante nello spazio e nel tempo, agisca uniformemente nel cuneo di spinta. Al fine di definire tale accelerazione, la nuova proposta di Eurocodice 8 (EN 1998-5) introduce una metodologia che tiene conto dell’asincronia del moto sismico agente sulle opere di sostegno per mezzo di un’analisi di risposta sismica locale 1D. Si tratta di un affinamento delle usuali metodologie che prevedono la definizione di un coefficiente di deformabilità in funzione di due soli parametri: altezza dell’opera e categoria di sottosuolo (v. NTC 2018). In questa memoria, l’applicazione ad un caso reale mostra come la nuova metodologia consenta un utilizzo più consapevole del metodo pseudo-statico; d’altra parte, i risultati di analisi dinamiche 2D evidenziano significativi effetti di variabilità spaziale del moto invitando a riflessioni sull’opportunità di considerare anche gli effetti geometrici nella propagazione delle onde sismiche.
9788897517108
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Alesiani_Pierluigi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Nota IARG
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 788.89 kB
Formato Adobe PDF
788.89 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11566/306642
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact